Patente Speciale: anche i disabili possono guidare

Se sai già come funziona informazioni

tutto quello che devi sapere

Cos’è la Patente Speciale?

La Patente Speciale è una particolare patente che attesta l’idoneità del conducente diversamente abile, a guidare un veicolo modificato secondo le proprie esigenze. E se non esistesse questo tipo di patente, non potrebbero guidare perché non raggiungerebbero i requisiti psico-fisici richiesti.

Grazie quindi a particolari adattamenti e/o protesi è consentita la guida in condizioni di sicurezza. Questi vengono indicati sulla patente e sul foglio rosa tramite dei numeri chiamati Codici Armonizzati. Ad ognuno di essi corrisponde la prescrizione indicata dalla Commissione Medica Locale.

Le categorie di patente speciale

A seguito dell’abolizione della categoria F delle patenti, ora possono essere rilasciate le seguenti patenti speciali: AS, BS, CS e DS. Nel art.116 del Codice della Strada, per ogni singola patente, sono stati stabiliti i tipi e le caratteristiche specifiche dei veicoli che possono essere guidati:

  • A Speciale per la guida di tutti i motoveicoli di massa complessiva fino a 1,3 Tonnellate;
  • B Speciale per la guida dei motoveicoli, esclusi i motocicli, e degli autoveicoli di massa complessiva non superiore a 3,5 Tonnellate e che trasportano al massimo 9 persone compreso il conducente;
  • C Speciale per la guida degli autoveicoli di massa complessiva superiore a 3,5 Tonnellate e inferiore a 11,5 Tonnellate adibite al trasporto di merce;
  • D Speciale per la guida degli autoveicoli il cui numero di posti a sedere, compreso il conducente, sia al massimo 17.

La Commissione Medica Locale

Per ottenere la patente occorre, come prima cosa, ottenere un certificato medico dalla Commissione Medica Locale. Durante la visita verranno accertati i requisiti per la guida, e potrai presentare tutta la documentazione clinica in tuo possesso e farti assistere, a tue spese, da un medico di fiducia. Oppure, grazie alla legge 114 del 2014, puoi essere affiancato anche da un esperto di un’associazione di persone con disabilità. Nel corso della visita potrebbe esserti richiesta della documentazione aggiuntiva in base al tipo di patologia di cui soffri.

La Commissione accerta la presenza dei requisiti psico-fisici e, in caso di esito positivo, ti rilascia un certificato medico dove verranno indicate le prescrizioni degli eventuali adattamenti necessari alla guida. Il certificato di idoneità vale 90 giorni.

Codici Comunitari Armonizzati

A seguito della circolare emanata dal Ministero dei Trasporti il 12 Giugno 2000 n°B/45, è stato reso noto l’elenco dei codici e dei subcodici Comunitari Armonizzati, da indicare sulle patenti di guida. I codici si trovano sul retro della patente, nella colonna 12 a fianco di ciascuna categoria di patente.

01: Correzione e/o protezione della vista

  • 01 Occhiali
  • 02 Lenti a contatto
  • 03 Lente protettiva
  • 04 Lente opaca
  • 05 Copri occhio
  • 06 Occhiali o lenti a contatto

02: Protesi uditiva o ausilio per la comunicazione

  • 01 Protesi uditiva ad un orecchio
  • 02 Protesi uditiva ad entrambe le orecchie

03: Protesi per gli arti

  • 01 Protesi ad un arto superiore
  • 02 Protesi ad un arto inferiore

05: Guida soggetta a restrizioni per motivi sanitari

10: Cambio di velocità adattato

  • 01 Cambio dì velocità manuale
  • 02 Cambio di velocità automatico
  • 03 Cambio di velocità elettronico
  • 04 Adattamento della leva del cambio
  • 05 Senza cambio di velocità secondario

15: Frizione adattata

  • 01 Pedale della frizione adattato
  • 02 Frizione manuale
  • 03 Frizione automatica
  • 04 Tramezzatura davanti al pedale della frizione soppresso o neutralizzato

20: Sistema di frenatura adattato

  • 01 Pedale del freno adattato
  • 02 Pedale del freno allargato
  • 03 Pedale dei freno adattato per essere azionato dal piede sinistro
  • 04 Pedale del freno con piastra di appoggio
  • 05 Pedale del freno a bilanciere
  • 06 Freno di servizio manuale adattato
  • 07 Utilizzazione al massimo del freno di servizio rinforzato
  • 08 Utilizzazione al massimo del freno di soccorso integrato con il freno di servizio
  • 09 Adattamento del freno di stazionamento
  • 10 Freno di stazionamento con comando elettrico
  • 11 Freno di stazionamento azionato dal piede
  • 12 Tramezzatura davanti al pedale del freno soppresso o neutralizzato
  • 13 Freno azionato dal ginocchio
  • 14 Freno di servizio con comando elettrico

25: Sistema di accelerazione adattato

  • 01 Pedale dell’accelerazione adattato
  • 02 Pedale dell’acceleratore con soletta
  • 03 Pedale dell’acceleratore a bilanciere
  • 04 Acceleratore manuale
  • 05 Acceleratore azionato dal ginocchio
  • 06 Servo acceleratore (elettronico, pneumatico, ecc.)
  • 07 Pedale dell’acceleratore a sinistra del pedale del freno
  • 08 Pedale dell’acceleratore a sinistra
  • 09 Tramezzatura davanti al pedale dell’acceleratore soppresso o neutralizzato

30: Sistemi combinati di frenatura e di accelerazione adattati

  • 01 Pedali paralleli
  • 02 Pedali sullo stesso piano
  • 03 Acceleratore e freno manuale con guida di scorrimento
  • 04 Acceleratore e freno con guida di scorrimento
  • 05 Pedali dell’acceleratore e del freno neutralizzati o soppressi
  • 06 Rialzamento del pavimento
  • 07 Tramezzatura sul lato del pedale del freno
  • 08 Tramezzatura con protesi sul lato del pedale del freno
  • 09 Tramezzatura davanti ai pedali dell’acceleratore e del freno
  • 10 Supporto del tallone o della gamba
  • 11 Acceleratore e freno a comando elettrico

35: Dispositivi di comando adattati

  • 01 Dispositivi di controllo utilizzabili senza influenzare negativamente sulla guida e la manovra
  • 02 Dispositivi di controllo utilizzabili senza lasciare il volante e gli accessori come il pomello o la forcella
  • 03 Dispositivi di controllo utilizzabili con la mano sinistra senza lasciare il volante e gli accessori
  • 04 Dispositivi di controllo utilizzabili con la mano destra senza lasciare il volante e gli accessori
  • 05 Dispositivi di controllo utilizzabili senza lasciare il volante, gli accessori e i comandi dell’acceleratore e del freno

40: Sistemi direzione adattati

  • 01 Servosterzo standard
  • 02 Servosterzo rinforzato
  • 03 Sterzo con sistema di backup obbligatorio
  • 04 Piantone dello sterzo allungato
  • 05 Volante adattato (più largo e/o più spesso, di diametro ridotto, ecc.)
  • 06 Volante basculante
  • 07 Volante verticale
  • 08 Volante orizzontale
  • 09 Sterzo ai piedi
  • 10 Sterzo adattato in altra maniera (joistick, ecc.)
  • 11 Pomello sul volante
  • 12 Ortesi per mano sul volante
  • 13 Con ortesi

42: Specchietti retrovisori adattati

  • 01 Specchietto retrovisore esterno destro o sinistro
  • 02 Specchietto retrovisore esterno installato sul parafango
  • 03 Specchietto retrovisore interno supplementare
  • 04 Specchietto retrovisore interno panoramico
  • 05 Specchietto retrovisore per l’angolo morto
  • 06 Specchietti retrovisori esterni con comando elettrico

43: Sedile del conduttore modificato

  • 01 Sedile del conducente rialzato per la visione e a distanza normale dal volante e dai pedali
  • 02 Sedile del conducente adattato alla forma del corpo
  • 03 Sedile del conducente con supporto laterale per consentire una buona e stabile posizione seduta
  • 04 Sedile del conducente con braccioli
  • 05 Allungamento della guida di scorrimento del sedile del conducente
  • 06 Adattamento della cintura di sicurezza
  • 07 Cinture di sicurezza di tipo a imbracatura

44: Adattamenti del motociclo

  • 01 Comando di frenatura unico
  • 02 Adattamento del freno sulla ruota anteriore azionato dalla mano
  • 03 Adattamento del freno sulla ruota posteriore azionato con il piede
  • 04 Adattamento della manopola di accelerazione
  • 05 Cambio di velocità manuale e frizione manuale adattati
  • 06 Specchietti retrovisori adattati
  • 07 Dispositivi di comando adattati (indicatori di direzione, fanalino dello stop, ecc.)
  • 08 Altezza della sella che permette al conducente, in posizione seduta, di toccare contemporaneamente il suolo con entrambi i piedi

45: Motocicli solo con side-car

Quali Esami si devono sostenere?

Una volta ottenuto il certificato medico, potrai finalmente iniziare il percorso per prendere la patente speciale.

Qui, l’esame di teoria non differisce da quello standard. Quiz da 40 domande, alle quali dovrai rispondere con vero o falso. Se il candidato è affetto da sordomutismo, può sostenere l’esame con il metodo orale presentando un’apposita domanda. E potrai anche specificare se hai bisogno di farti assistere da un interprete appartenente all’Ente Nazionale Sordomuti. L’esame, in questo caso, si svolgerà con l’utilizzo di una scheda quiz cartacea di cui l’esaminatore leggerà le domande e chiarirà, con frasi e vocaboli appropriati, la terminologia esposta.

Per il conseguimento di patente speciale non è previsto un numero minimo obbligatorio di lezioni di guida, da svolgere in Autoscuola. Se non quelle necessarie alla tua formazione di conducente sicuro e responsabile nella circolazione stradale.

Non è necessario durante l’esercitazione di guida che il  veicolo sia dotato di doppi comandi.

Limitazioni Neopatentati

Anche in questo caso si avranno le stesse limitazioni previste per la patente di guida senza limitazioni. L’unica differenza riguarda il veicolo che si può guidare. Infatti, le limitazioni relative a potenza massima del veicolo e il suo rapporto Potenza/Peso, non sono valide quando il neopatentato si trova alla guida di un veicolo al servizio di una persona diversamente abile, a condizione che sia munita di contrassegno di circolazione e la persona sia a bordo del veicolo stesso.

Veicoli che non si possono guidare con patente speciale

Le Persone diversamente abili, titolari di patenti speciali, non possono guidare anche se non espressamente indicato sulla patente di guida, i seguenti veicoli:

  • Autoambulanze;
  • Trasporto di merci pericolose;
  • Veicoli in servizio di linea;
  • Trasporto professionale dove è necessario conseguire la CQC.