Corso sul Cronotachigrafo Digitale: diventa un esperto!

Argomenti trattati

Decreti sul corso Cronotachigrafo Digitale, facciamo chiarezza!

Il 13 Febbraio 2017 il MIT ha emanato una circolare in merito al DD 215 del 12 Dicembre 2016 che riporta tutte le disposizioni in materia di corsi di formazione sul buon funzionamento del cronotachigrafo digitale. Il tema della formazione è sempre molto dibattuto: Perdita di tempo? Investimento in prevenzione? Le opinioni sono varie e volte contrastanti.

Nonostante i conducenti siano già i possesso della CQC, dati statistici parlano chiaro. Circa il 70% delle sanzioni in materia di tempi di guida e riposo, sono causate da conducenti che non sanno utilizzare nella maniera corretta il cronotachigrafo digitale. Forse perché nessuno gli ha mai spiegato in maniera chiara e precisa il funzionamento di questo diabolico strumento.

Il corso è obbligatorio?

I corsi di formazione sul cronotachigrafo digitale è un obbligo praticamente da sempre. I datori di lavoro hanno l’obbligo di fornire indicazioni e informazioni in merito all’utilizzo dello strumento in quanto la normativa UE pone a carico di questi ultimi tale compito.

DM 31.3.2006 ART. 2: “Il datore di lavoro ha l’obbligo di informare il lavoratore della vigente disciplina in materia di orario di lavoro nonché de contratti collettivi e di tutte le condizioni applicabili al rapporto di lavoro. Il datore di lavoro ha l’obbligo di controllare che il lavoratore rispetti i periodi di guida e di riposo secondo quanto previsto dalle vigenti disposizioni comunitarie, di istruire il conducente circa il funzionamento dell’apparecchio di controllo e di vigilare sul corretto uso dello stesso”.

CCNL 26.01.2011 ART. 20 comma 9: “L’azienda impartirà agli autisti specifica formazione sull’utilizzo del cronotachigrafo”.

D.Lgs 81/2008 ART. 36 comma 2: “Il datore di lavoro provvede altresì affinché ciascuno lavoratore riceva una adeguata informazione sui rischi specifici cui è esposto in relazione all’attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni aziendali in materia”.

REG 165/2014 ART.33 comma 1: “Le imprese di trasporto garantiscono che i propri conducenti ricevano una formazione e istruzioni adeguate per quanto riguarda il buon funzionamento dei tachigrafi, che siano digitali o analogici, effettuano controlli periodici per garantire che i propri conducenti li utilizzino correttamente e non forniscono ai conducenti alcun incentivo diretto o indiretto che possa incoraggiare ad un uso improprio dei tachigrafi.”

Responsabilità delle Aziende di Trasporto

Le Aziende di trasporto devono garantire che i propri conducenti ricevano la formazione e istruzioni adeguate per quanto riguarda il buon funzionamento dei tachigrafi, che siano digitali o analogici. Hanno anche l’obbligo di effettuare controlli periodici per garantire che i propri conducenti li utilizzino correttamente.

È importante ricordare che le Aziende sono responsabili per le infrazioni commesse dai loro conducenti o da conducenti sottoposti a loro disposizione. I datori di lavoro, in caso di sanzione in materia di Reg. 561/06 sono sottoposti ad una multa da € 327 a € 1305. La sanzione si applica per ciascuno dipendente cui la violazione si riferisce.

Chi ha l’obbligo di fare il corso?

I corsi di formazione sono indirizzati a tutti i conducenti che prestano servizio a qualsiasi titolo ed in forza di qualsiasi contratto di lavoro, compresi i contratti per prestazioni saltuarie, discontinue, temporanee o a chiamata. È un potenziale destinatario dei corsi anche chi è addetto alla guida del veicolo, anche per un breve periodo, o che si trovi a bordo di un veicolo con la mansione, all’occorrenza di guidarlo.

Quindi è molto importante formarsi ed essere informati sul corretto utilizzo del cronotachigrafo e dei tempi di guida.

Durata e Programma del corso

Il corso ha un durata di 8 ore ed è suddiviso in moduli, in ognuno dei quali si parlerà di un argomento specifico. Il programma del corso è così suddiviso:

  • Evoluzione della normativa dal Regolamento (CEE) n. 1463/70 al Regolamento (UE) n. 165/2014;
  • Disciplina dei tempi di guida e di riposo – Esenzioni – Certificazioni – Deroghe;
  • Evoluzione tecnologica: dall’analogico al digitale.;
  • Uso del tachigrafo analogico. Descrizione dell’apparecchio e del foglio di registrazione (disco) e loro corretto uso;
  • Uso del tachigrafo digitale. Modelli, tipologie e descrizione della struttura dell’impianto del tachigrafo digitale;
  • Le carte tachigrafiche: descrizione dei vari tipi di carte e loro corretto uso;
  • Caratteristiche e funzionalità del tachigrafo digitale;
  • Lettura ed interpretazione delle stampe e dei pittogrammi del tachigrafo digitale,
  • Attività con simulatore di casi reali con strumenti adeguati per la pratica delle competenze acquisite;
  • Responsabilità amministrativa e penale a carico dei soggetti che circolano o mettono in circolazione veicoli sprovvisti di tachigrafo ovvero con tachigrafo manomesso o non funzionante.

Al termine del corso verrà rilasciato un certificato in triplice copia (uno all’Autoscuola, uno al partecipante e uno alla Ditta), che ha una validità di 5 anni dalla data della sua emissione.

È necessario tenere a bordo l’attestato del corso?

La circolare precisa che anche se sarà a discrezione dell’autorità di controllo ma si ritiene opportuno che i documenti previsti dal decreto si trovino a bordo del veicolo. Questo per facilitare e velocizzare le operazioni di controllo su strada, e comprovare immediatamente il rispetto delle prescrizioni dei Reg. 561/06 e UE 165/14.

Attenzione che avere o no il certificato a bordo non impedisce all’organo di controllo di effettuare una sanzione!